Come capire se hai trovato lo spedizioniere perfetto

Come scegliere spedizioniere Punto System

Trovare lo spedizioniere perfetto non è facile.

Ci sono molte cose che devi considerare.

Per prima cosa, devi sapere che non tutti gli spedizionieri sono in grado di gestire qualsiasi tipo di merce. Ognuno può avere specializzazioni diverse o semplicemente operare solamente in determinati paesi e non in altri.

Insomma, scegliere lo spedizioniere più adatto alla tua merce e alle tue esigenze non è così scontato come sembra.

Come poter scegliere lo spedizioniere giusto per te?

Ci sono delle domande che ti possono aiutare a definire il tuo partner ideale. In questo articolo abbiamo raccolto 7 domande che, se poste allo spedizioniere, ti possono aiutare a capire se sei di fronte al giusto interlocutore.

1 – La mia merce è pericolosa? Lo spedizioniere è abilitato e ha l’expertise per gestire merce pericolosa?

Per merce pericolosa si intendono sostanze nocive o, più in generale, tutte quelle merci che se non sono maneggiate accuratamente durante il trasporto possono recare danni a cose o persone. Queste sostanze sono classificate a livello normativo in CLASSI e DIVISIONI: Classe 1 (Materie e oggetti esplosivi), Classe 2 (Gas), Classe 3 (Liquidi infiammabili), Classe 4.1 (Solidi infiammabili, materie autoreattive ed esplosivi solidi desensibilizzati), Classe 4.2 (Materie soggette ad accensione spontanea), Classe 4.3 (Materie che a contatto con l’acqua sviluppano gas infiammabili), Classe 5.1 (Materie comburenti), Classe 5.2 (Perossidi Organici), Classe 6.1 (Materie tossiche), Classe 6.2 (Materie infettanti), Classe 7 (Materiale radioattivo), Classe 8 (Materie corrosive), Classe 9 (Materie e oggetti pericolosi diversi).

Prima di scegliere il miglior spedizioniere per la tua attività, concentrati sulla tua merce. Movimentare dei materassi è molto diverso dallo spedire all’estero dei fuochi d’artificio. Ovviamente si tratta solo di un esempio, ma è fondamentale capire in modo dettagliato e preciso la natura della merce e la relativa pericolosità.

Sottovalutare questo aspetto può influenzare pesantemente il buon esito della spedizione, generare gravi problematiche in termini di sicurezza e, non ultimo, causare ritardi e costi imprevisti. È fondamentale fare queste considerazioni, assieme al tuo spedizioniere, prima del trasporto.

2 – L’imballaggio è sufficientemente robusto e adeguatamente marcato ed etichettato per favorirne una corretta identificazione e movimentazione?

Quando si pensa a una spedizione, vengono subito in mente il trasporto e l’arrivo al luogo di destino. Ma quello che solitamente passa in secondo piano è l’imballaggio. È una fase da non sottovalutare, poiché può decretare il successo o fallimento di una spedizione. L’imballaggio deve essere robusto, marcato ed etichettato nel modo più adatto alla singola spedizione. Così sarà possibile agevolarne l’identificazione e la movimentazione nel corso dell’intera spedizione, senza perdite di tempo o danni alla merce.

Un imballaggio ben fatto può evitare molte situazioni spiacevoli: accade che la merce venga smarrita, danneggiata durante la movimentazione o che la spedizione venga bloccata in Dogana a causa di problemi riconducibili all’imballaggio.

Come scegliere spedizioniere Punto System

3 – Le condizioni geopolitiche locali richiedono l’adozione di misure di sicurezza particolari?

In Italia è una preoccupazione che non esiste. Ma se dovessi spedire in Africa? Più lontano è il luogo, più sono le variabili da tenere sotto controllo. Se devi effettuare una spedizione in un paese politicamente instabile, è consigliabile rivolgersi a uno spedizioniere che abbia una certa esperienza con quel paese. Ancora meglio se lo spedizioniere ha un partner locale come supporto alla logistica. Ne abbiamo parlato in questo articolo.

4 – Il periodo in cui si prevede l’arrivo della merce nel paese di destino è un festivo?

Tutti sanno che il 25 dicembre movimentare merci è difficile. Ma chi sa che è altrettanto difficile farlo il 7 gennaio, quando si festeggia il Natale nei paesi di religione ortodossa? Abbiamo già parlato qui di quanto sia fondamentale conoscere le festività sia del paese di destino, sia dei paesi di transito, per evitare fastidiosi rallentamenti.

Visita il nostro sito

5 – Lo spedizioniere che dovrà gestire la merce ha una sua rappresentanza in loco per monitorare e gestire tutte le operazioni?

Cosa succede quando la merce arriva nel paese di destino? Solitamente c’è qualcuno, spesso l’acquirente o un suo rappresentante, che si occupa delle formalità doganali import e della consegna della merce presso il luogo di destinazione finale. In molti casi però, chi deve ricevere la merce non sempre è in grado di gestire le formalità doganali e le attività logistiche necessarie, e per questo ha bisogno di supporto. Quando devi scegliere il tuo spedizioniere, controlla che abbia una rappresentanza nel paese di destino della merce. Questo è l’unico modo per essere certi che una spedizione sia seguita attentamente dall’inizio alla fine. La nostra soluzione è Plan@ Program.

Come scegliere spedizioniere Punto System

6 – Le condizioni e forme di pagamento che regolano la vendita della merce sono state definite con chiarezza? Impattano sulla logistica? Le tempistiche di gestione dei documenti sono compatibili con i tempi della logistica?

Prima di spedire, accertati di avere valutato bene le possibili implicazioni legate alle forme di pagamento concordate a livello contrattuale. A volte accade che le tempistiche delle banche nel gestire i documenti siano più lunghe di quelle del trasporto. In questi casi la merce si blocca a destino in attesa di documenti comprovanti pagamenti o necessari per le operazioni doganali. Non sottovalutare nemmeno i tempi tecnici richiesti per l’emissione di documenti da parte della Camera di Commercio o di altri Enti, senza i quali la merce non può essere importata o rilasciata al destinatario. È bene valutare assieme allo spedizioniere tutti questi aspetti preventivamente, per comprendere quali potrebbero essere i problemi e come gestirli nel migliore dei modi.

7 – Ci sono scadenze contrattuali tassative o deadline per la consegna della merce? Se sì, le scadenze sono compatibili con le tempistiche di approntamento della merce e il trasporto?

Quando valuti il paese in cui è destinata la merce, la modalità di trasporto da utilizzare e la forma di pagamento della merce, non dimenticarti di verificare se esistono delle scadenze da rispettare. Possono essere scadenze contrattuali legate all’arrivo della merce a destinazione o, soprattutto, scadenze per la presentazione della documentazione nel caso di pagamenti garantiti da banche. Vi sono poi paesi per i quali è richiesta l’ispezione della merce prima ancora che questa venga spedita, per cui nascono anche scadenze legate ad attività di questo tipo che devono essere compatibili con quelle di partenze di navi o aerei. Prestare la massima attenzione sin dall’inizio può aiutare molto ad evitare stress o situazioni di emergenza all’atto della spedizione.

Ti sei mai posto queste domande in fase di scelta dello spedizioniere?

La prossima volta che hai bisogno di organizzare una spedizione, metti alla prova i candidati spedizionieri con queste domande. In questo modo riuscirai a trovare il tuo partner ideale ma avrai anche un ottimo metro di giudizio per valutare lo spedizioniere anche in base alla merce e al paese di destinazione.

Hai già trovato a chi affidare la tua spedizione? Scopri i servizi messi a disposizione da Punto System.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Desideri maggiori informazioni?

Dichiaro di aver letto l'informativa ed acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.lgs. n. 196/2003
Desidero essere contattato