EX – Works: tutto quello che devi sapere sulla spedizione più utilizzata da chi vende

EX Works spedizione internazionale punto system group

Nel mondo delle spedizioni, ci sono molte opzioni.

Puoi scegliere diverse modalità per spedire la tua merce.

Queste sono tutte definite dai vari Incoterms relativi alle spedizioni internazionali.

Degli Incoterms abbiamo parlato qui: puoi trovare tutte le definizioni e le modalità con cui la spedizione viene effettuata, con le relative responsabilità.

Se invece sei un tipo curioso, puoi scoprire la storia degli Incoterms qui.

Oggi però ti vogliamo parlare di un particolare tipo di spedizione, che viene definita dal codice Incoterms Ex-Works.

Che cos’è una spedizione Ex-Works

Diciamolo subito: è un tipo di spedizione che permette al venditore di minimizzare sia i costi di trasporto sia (e soprattutto) i relativi rischi.

E se puoi ottimizzare i costi, riuscirai a offrire un prezzo finale più competitivo.

Ma vediamo che cos’è l’Incoterms Ex-Works e come funziona.

Il codice Incoterms identificativo è: EXW (Luogo convenuto).

Il concetto “Luogo convenuto” è un termine che precisa dove la merce verrà rilasciata per il trasporto. In assenza di questo importante dettaglio potrebbero sorgere spiacevoli equivoci e conseguenti ritardi o aggravi di costo, poiché il sapere dove la merce dovrà essere ritirata è essenziale sin dalla fase di progettazione della spedizione.

In sostanza, con una resa EXW il venditore mette a disposizione nei propri locali la merce al compratore, NON sdoganata e imballata con l’imballaggio minimo per proteggere la merce la merce durante il trasporto, indipendentemente dal mezzo, dalla modalità e dalla destinazione scelte dal compratore.

In verità, a carico di chi compra resterebbe anche l’onere e il rischio di caricare la merce sul mezzo di trasporto prescelto. È però prassi abituale che il venditore si presti a caricare la merce sul mezzo di trasporto, perché generalmente dispone del personale e delle attrezzature necessarie. Ricordiamoci che chi vende ha pur sempre tutto l’interesse ad agevolare il proprio cliente al fine di fidelizzarlo. In ogni caso, i rischi correlati all’attività di carico delle merci sul mezzo di trasporto restano sempre e comunque a carico del compratore.

A cura del venditore resta l’emissione della fattura commerciale, dell’eventuale packing list (documento che riepiloga il numero e natura dei colli, le dimensioni e i pesi) e della documentazione tecnica a corredo della merce. Il rilascio di eventuali licenze e autorizzazioni all’esportazione è a carico del compratore, fermo restando che il venditore ha l’obbligo di collaborare al loro rilascio presso gli enti preposti.

EX Works per spedizione internazionale punto system group

Un Ex-Works davvero speciale

L’EXW è quindi una spedizione totalmente a carico dell’acquirente.

Un Ex-Works è speciale perché non ci sarà nessuna spesa a carico del venditore della merce.

Vi sono però situazioni in cui vengono create delle forme ibride per cui il venditore e il compratore definiscono, partendo da una base di resa EXW, regole e responsabilità diverse in modo che siano più efficienti possibile per la spedizione del caso.

Quali sono i vantaggi di queste forme di spedizione ibride?

Se ogni spedizione è diversa dall’altra, allora non sempre un iter di trasporto standard può andare bene.

Soprattutto se si tratta di merci o situazioni particolari o se gli attori coinvolti sono molteplici.

In questi casi, venditore e compratore possono confrontarsi per definire una gestione della spedizione ad hoc, in accordo con lo spedizioniere (o gli spedizionieri) incaricati del trasporto, in modo da renderla più efficiente e semplice (sia in termini di tempi che di costi).

Ad esempio, c’è una forma particolare di spedizione Ex-Works che sta prendendo piede nel caso di spedizioni in importazione dalla Cina o dal Sud Est Asiatico (noto anche come “Far East”) in generale verso l’Italia o l’Europa. Si tratta di una formula ibrida, una via di mezzo tra Ex-Works e FCA (Free Carrier, Franco Vettore).

Si tratta di organizzare una spedizione dove tutti i passaggi sono a carico del compratore tranne il primo spostamento della merce dallo stabilimento (luogo di origine) al magazzino dello spedizioniere.

Quali sono i vantaggi in questo caso?

La formula Ex-Works è una delle più utilizzate, perché semplifica la vita al venditore. Ma allo stesso tempo la complica al compratore, che dovrà farsi carico di tutti gli step della spedizione dal luogo di origine fino alla destinazione.

Modificare il processo di un EXW può essere un vantaggio per entrambe le parti.

Anche nel caso di spedizioni import, un normale EXW prevede che l’acquirente debba organizzare l’intero trasporto della merce, a partire dalla tratta dalla fabbrica di produzione fino al magazzino da cui la spedizione partirà verso la sua destinazione finale.

La complessità sta nel fatto che l’acquirente (azienda italiana o Europea) dovrà naturalmente incaricare il suo spedizioniere di eseguire anche questo primo tratto di trasporto. Ma a sua volta lo spedizioniere dovrà interagire con il suo agente locale in Cina o in Far East per organizzare questo step.

Nella pratica, se questo primo stadio della spedizione, ovvero il trasporto dalla fabbrica al magazzino, viene gestito ed effettuato dal venditore, la situazione si semplifica.

La ragione di ciò risiede nel fatto che le aziende di produzione in Cina o nel Sud Est Asiatico sono spesso localizzate in remote zone dell’entroterra, ove i costi e disponibilità di manodopera sono molto vantaggiosi. Il venditore ha già di partenza l’esigenza di organizzarsi con un servizio di trasferimento di materie prime e merci in genere dai centri di smistamento (situati in corrispondenza di città primarie che fungono da veri e propri snodi logistici) al proprio sito produttivo e viceversa.

Affidare al venditore il compito di trasferire la merce dal proprio magazzino a quello dello spedizioniere incaricato (ovvero, a quello del suo agente locale) permette di risparmiare tempo e denaro.

Tempo perché l’agente locale dello spedizioniere incaricato, per ottimizzare i costi del servizio, deve gestire i suoi mezzi programmando percorsi capaci di effettuare il maggior numero di ritiri e consegne. Il venditore può invece effettuare tutto con un’unica consegna diretta.

Denaro perché il compratore può eliminare due intermediari il proprio spedizioniere ed il suo agente d’oltremare, limitandosi ad accollarsi il costo di una commissione per un servizio reso dal suo venditore, il cui costo è per sua natura più economico.

EX Works spedizione internazionale punto system

Ex-Works: conviene davvero per le imprese italiane?

Si tratta di una spedizione apparentemente molto conveniente anche nel caso in cui tu debba spedire la merce.

In realtà devi sapere che la spedizione con Incoterms EXW ti espone comunque a dei rischi.

Te ne citiamo 3 che dovresti conoscere e valutare prima di attivare una spedizione Ex-Works in veste di venditore.

1 – Responsabilità

La prima cosa che devi sapere riguarda le responsabilità.

Dal momento che il venditore è il soggetto addetto al carico della merce sul mezzo del compratore, la tua azienda figurerà come mittente della spedizione sul documento di trasporto, che nel caso di trasporto su gomma è lettera di vettura stradale (CMR).

Ciò significa che in qualità di venditore dovrai firmare la CMR e quindi assumerti tutte le obbligazioni tipiche del mittente del trasporto. Tra queste ci sono gli obblighi di legge come citato nel codice civile (Articolo 1689 e 1684) e gli obblighi arbitrari della CMR specifica (riportati sul retro del documento, che in alcuni casi possono essere in lingua straniera).

Ma le possibili complicanze non finiscono qui.

2 – Eventuali irregolarità e autorità locali

Per quanto riguarda la gestione delle formalità doganali di esportazione, il venditore figura generalmente come esportatore delle merci sul documento doganale (la bolla doganale), pertanto egli è di fatto l’unico obbligato in caso di eventuali irregolarità (tecniche o tributarie) verso le autorità competenti.

La resa Ex-Works prevede che sia lo spedizioniere incaricato dal compratore (o meglio, il suo agente nel paese di origine) a prendersi cura della gestione delle formalità doganali e dei relativi costi, ma ciò non toglie che eventuali irregolarità riscontrate ricadano in capo al venditore, ovvero alla tua azienda.

3 – Limiti di scelta

Come hai capito, la spedizione Ex-Works prevede che sia il compratore a scegliere lo spedizioniere incaricato di organizzare e gestire l’intera spedizione. Questo significa di conseguenza che lo spedizioniere verrà scelto con criteri “comodi” al compratore, non per forza tenendo conto delle esigenze del venditore.

Ecco come funziona nella pratica.

Lo spedizioniere che si è selezionato attiverà il proprio ufficio o il proprio agente nel paese del venditore. A questo punto sarà il secondo spedizioniere che entrerà in contatto con il mittente, per ordine e conto del venditore.

EX Works spedizione internazionale con punto system group

Il problema sta proprio qui.

In questi casi, la relazione tra venditore e questo spedizioniere è spesso “essenziale e distaccata”: tutta l’attenzione dello spedizioniere è rivolta al mandante a destino. Ciò ha il risultato di mettere da parte le esigenze del mittente, creando quindi una situazione di disagio o addirittura di insoddisfazione.

Ecco perché l’Ex-Work non in tutti i casi è la scelta più conveniente. Come sempre, dipende dalle situazioni e un bravo spedizioniere è quello che analizza il caso specifico per proporti la soluzione migliore, non per forza quella più economica.

Come vedi, ci sono diversi modi per organizzare una normale spedizione.

Proprio quando la creatività si immerge nei numeri riusciamo a trovare la soluzione perfetta, quella che permette di ottimizzare tutti i passaggi di una spedizione.

Ma per fare questo serve esperienza e precisione, per capire come e dove effettuare le giuste variazioni.

Il valore più importante di una spedizione è sempre uno: la progettazione.

Lo studio attento del percorso e la pianificazione di tutte le operazioni necessarie per far arrivare la tua merce a destinazione. Nel minor tempo possibile e in sicurezza.

Tutto questo lo abbiamo previsto nel nostro metodo.

In un metodo che abbiamo chiamato Plan@ Program.

Scopri qui l’esclusivo metodo Plan@ Program®

Buona spedizione!

Carlo Gorgò
Punto System S.P.A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Desideri maggiori informazioni?

Dichiaro di aver letto l'informativa ed acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.lgs. n. 196/2003
Desidero essere contattato
Ricevi gli articoli appena vengono pubblicati!

Ricevi gli articoli appena vengono pubblicati!

Clicca su questo pulsante per iscriverti alla newsletter e ricevere gli articoli non appena vengono pubblicati nel blog.

Iscrizione avvenuta con successo!